HomeAmbienteDal Sud Sardegna l’idea di un ufficio verde portatile

Dal Sud Sardegna l’idea di un ufficio verde portatile

Al Green&Blue festival è stato presentato un nuovo modo di fare smartworking o studiare a diretto contatto con la natura

Lo chiamano ufficio verde portatile, la nuova creazione presentata durante il Green&Blue Festival a Daniela Ducato – presidente di Fondazione Territorio Italia e del WWF Italia – ideata durante il laboratorio “il banco di scuola che vorrei” con il coinvolgimento dei bambini delle scuole di Nuraminis e Guspini.

Ora che l’estate sta arrivando, l’idea di dover stare chiusi in casa a lavorare o studiare è sicuramente uno degli ostacoli più grandi per molti. Ecco perché l’idea di un ufficio o una biblioteca all’aperto – a diretto contatto con il mondo e la sua natura – appare ottima. 

- Advertisement -

Si tratta di un semplice tavolino di legno che può essere posto attorno al tronco degli alberi, realizzato con ritagli tessili e canne palustri con un peso complessivo che va dai 150 ai 500 grammi. All’interno dei ritagli tessili si possono trovare inoltre dei veri e propri contenitori per semi selvatici che possono essere raccolti all’occorrenza.

Attualmente lo si può trovare già nel parco di Guspini e a Milano presso il giardino di Stazione Radio.

Daniela Ducato afferma “L’ufficio verde nasce dalla creatività delle bambine e dei bambini. Ci siamo messi in ascolto per abbracciare i loro pensieri ed è nato un oggetto che abbraccia gli alberi. In Sardegna il mio ufficio abbraccia un albero di ulivo nel parco di Guspini, a Milano è nel giardino di Stazione Radio, un fazzoletto di terra vicino alla Stazione Centrale del capoluogo lombardo interessato da un progetto di rinaturazione“.

NEWS

Articoli recenti

[wpp stats_views=0]