HomeNEWSSostenibilitàFrigoriferi comunitari: l’iniziativa di Hubbub per ridurre gli sprechi alimentari e responsabilizzare...

Frigoriferi comunitari: l’iniziativa di Hubbub per ridurre gli sprechi alimentari e responsabilizzare le comunità

La rete dei frigoriferi comunitari di Hubbub redistribuisce ogni anno nel Regno Unito oltre 7000 tonnellate di cibo

Il frigorifero comunitario è uno spazio sociale che riunisce le persone per mangiare, stare insieme, ridurre lo spreco alimentare e responsabilizzare le comunità, assicurando a più persone possibili l’accesso a cibo nutriente.

Hubbub è un’organizzazione benefica inglese che progetta campagne innovative rivolte alla tutela dell’ambiente e al cambiamento dei comportamenti delle persone in favore di atteggiamenti più virtuosi e rispettosi, oggi coordina la rete di frigoriferi comunitari più grande del mondo con 250 frigoriferi in funzione in tutto il Regno Unito. 

- Advertisement -

I frigoriferi sono installati in spazi pubblici e chi ha bisogno può ritirare gratuitamente il cibo.

Grazie alla parternship con Co-op – una delle più grandi cooperative al mondo che gestisce 2600 negozi di alimentari – l’organizzazione sarà in grado, per il prossimo anno, di raddoppiare il numero dei frigoriferi, arrivando a 500 unità, con un risparmio di 34 milioni di pasti ogni anno strappati allo spreco alimentare, assicurando la disponibilità di cibo fresco a chiunque ne abbia bisogno.

Ogni anno la rete dei 250 frigoriferi redistribuisce circa 7200 tonnellate di cibo in eccedenza, che si traducono in più di 17 milioni di pasti, accogliendo oltre 460.000 visitatori.

Ad oggi questa rete è rifornita da diversi rivenditori che vi ridistribuiscono le loro quantità di cibo in eccedenza come Sainsbury’s, Tesco, Morrison, Costa, Spar, Co-op ed anche molte aziende locali più piccole.

I frigoriferi comunitari di Hubbub stanno contribuendo a combattere lo spreco alimentare in tutto il Regno Unito e riescono ad essere una soluzione per la difficile ridistribuzione di alimenti deperibili come frutta e verdura, che grazie a questa possibilità possono essere donati e non sprecati.

L’iniziativa permette quindi alle persone di accedere a cibi sani: aspetto fondamentale per chi non se ne può permettere l’acquisto e ripiega sul più economico cibo spazzatura, ed anche per combattere problemi di salute come obesità o diabete.

Fondamentale anche l’aspetto di responsabilità sociale che si innesta nelle comunità, sensibilizzate a non sprecare cibo, ma rimetterlo in circolo con un vantaggio per chi ha bisogno e può accedervi gratuitamente e per l’ambiente, lo spreco alimentare causa infatti circa il 10% delle emissioni alla base dell’emergenza climatica.

Hubbub ha testato per la prima volta l’iniziativa nel 2016 nel Derbyshire, esistevano già esperimenti simili in altri Paesi come la Spagna ed l’india, ma non ce n’erano nel Regno Unito.

L’esperimento iniziale riscosse enorme interesse da parte delle comunità locali e delle autorità, grazie a questo successo nel 2017 nasce la Community Fridge Network, che comprende oggi anche molte altre attività come laboratori di cucina o scambio di vestiti, tutte volte a far incontrare le persone, uscire dall’isolamento e ridurre gli sprechi.

Secondo Hubbub, ogni anno, una famiglia di quattro persone spreca 720 £ di cibo, il frigorifero comunitario vuole essere quindi lo spazio in cui anche le famiglie possono condividere il cibo in eccesso, abbattendo questo spreco. 

Ogni Community Fridge Network si impegna quindi a recuperare cibo di buona qualità in eccedenza, gratuitamente, da rivenditori alimentari, produttori, coltivatori, ristoranti e persone.

C’è inoltre la possibilità di far parte del network avviando un proprio frigorifero comunitario attraverso i finanziamenti offerti da Hubbub e Co-op o di fare volontariato nella Community.

NEWS

Articoli recenti

[wpp stats_views=0]