HomeNEWSBrand ImageGli spot del super bowl tra inclusione, socialità, csr e sostenibilità

Gli spot del super bowl tra inclusione, socialità, csr e sostenibilità

In onore di uno dei più grandi eventi sportivi americani – il Super Bowl – analizziamo alcune delle più belle e significative pubblicità realizzate da grandi brand e trasmesse durante le pause del match.

In questa settimana non si è fatto altro che parlare del Super Bowl, uno dei più grandi eventi sportivi americani che segna la fine della National Football league – lega sportiva americana. Per questo 2022, l’appuntamento è stato nella notte tra il 13 e 14 febbraio.

Ma in cosa consiste? Dal punto di vista sportivo, è la finale tra le due squadre vincitrici delle due conference che caratterizzano la NFL (National Football league), American Football Conference e National Football Conference.  La squadra vincitrice, si aggiudicherà il Lombardi Trophy, un trofeo completamente in argento realizzato da Tiffany, con una palla da football in posizione “kick-off”.

- Advertisement -

Durante l’evento però, anche la musica ha una grande valenza. Infatti, abbiamo il cosiddetto Halftime Show 2021, uno spettacolo musicale che si fa durante l’intervallo, in cui famosi personaggi e gruppi del mondo musicale si esibiscono per circa 20 minuti.

Altro focus fondamentale è sul mondo della pubblicità. Infatti, come ogni evento di così grande portata mediatica che si rispetti, sono ingenti gli investimenti realizzati nel campo pubblicitario. Quest’anno tra i vari spot trasmessi, vediamo che molti si focalizzano proprio sul tema della sostenibilità e dell’inclusione sociale. Analizziamone alcuni.

BMW

BMW con il suo spot “Zeus & Hera” pone in evidenza il forte impegno del gruppo per quanto concerne la mobilità elettrica e la sostenibilità. Nello spot, vediamo nelle vesti di Zeus & Hera rispettivamente Arnold Schwarzenegger e Salma Hayek Pinault, che durante il periodo della pensione decidono di scendere dall’Olimpo per godersi la vita a Palm Spring. Zeus però è frustrato dalle continue richieste dei vicini di caricare i loro golf cart elettrici o il tagliasiepi. Così, la moglie Hera decide di regalargli una BMW iX elettrica, ridandogli nuova vitalità.

Questo, è un gesto molto importante perché come afferma Hayek Pinault “Il settantacinque per cento delle decisioni matrimoniali inerenti al come spendere i soldi viene preso da donne, e in questo spot è la donna che decide l’auto giusta per rimettere in pista il marito. Certo, lo spot è divertente, ma racconta anche una verità umana”.

CRITEO

Lo spot di CRITEO affronta il tema dell’Open internet, volendosi concentrare su un futuro in cui internet metterà al centro i consumatori che liberamente potranno scegliere cos’è meglio per loro stessi e i loro obiettivi. Vediamo l’attrice Yinka Olorunnife nei panni di Ava, una giovane ragazza che aspetta di avere il suo caffè al bar quando, nel mentre consulta il suo telefono, rapidamente le appaiono dinanzi molteplici versioni di sé stessa – proiettate nel futuro – che le dicono di fermarsi e non compiere alcune azioni con il suo smartphone.

Alla fine dello spot compare una voce off che dice di non ascoltare chi cerca di dirci cosa ci riserva il futuro e di prendere le proprie scelte in totale autonomia. Con questo spot si vuole evidenziare la scelta di CRITEO per quanto concerne la diversità, l’equità e l’inclusione.

SALESFORCE

Lo spot di Salesforce, nonostante sia stato giudicato tra i peggiori del Super Bowl per la difficile connessione al brand stesso, trasmette un messaggio molto importante di importanza nel rivolgere le proprie forze verso il pianeta “#TeamEarth” e lasciare qualsiasi altro mondo o piattaforme, che sia Marte o il Metaverso.

EXPEDIA

Nello spot di Expedia invece, viene scelto come protagonista l’attore Ewan McGregor, che trasmette un messaggio chiaro e diretto: è meglio focalizzarsi più verso esperienze che contano piuttosto che sugli oggetti materiali, considerati effimeri e poco impattanti sui ricordi importanti della vita.

GENERAL MOTORS

Vediamo poi lo spot di General Motors, in cui Dr Evil – capo dei cattivi – esprime la sua idea di voler conquistare il mondo ma i suoi scagnozzi mettono in evidenza che il primo nemico da sconfiggere è il cambiamento climatico definito “la minaccia numero 1 al mondo in questo momento”. Durante il dibattito viene citata la piattaforma EV “Ultium” di GM e alcuni veicoli elettrici della casa.

GOOGLE

Google invece, nel suo spot “Lizzo in Real Tone” – incentrato sulla funzione “Real Tone” dei suoi nuovi smartphone Pixel 6 – unisce demo di prodotto e inclusività. La nuova funzione, infatti, grazie all’avanzata tecnologia utilizzata, riesce a fotografare al meglio tutti i differenti toni della pelle.

META

E infine, ultimo ma non ultimo, lo spot di Meta “QuestTogheter” in onore della nuova realtà virtuale Quest 2. I protagonisti sono dei personaggi animati, dei peluche per la precisione. L’idea con questo spot è di dimostrare come la tecnologia sia in grado di abbattere qualsiasi barriera fisica ed essere anzi un luogo di potenziamento della socialità tra le persone.

NEWS

Articoli recenti

[wpp stats_views=0]