HomeNEWSResponsabilità sociale d'impresaIl Gruppo Nestlè investe sul fondo italiano di Venture Capital Eureka

Il Gruppo Nestlè investe sul fondo italiano di Venture Capital Eureka

Il gruppo Nestlè, per questo 2022, decide per primo di investire nel fondo Eureka, che si focalizza su applicazioni e tecnologie del settore della Scienza ed Ingegneria dei Materiali. Nestlè è il primo gruppo che crede e sostiene a pieno questo fondo, con un investimento pari a 5 milioni di euro.

Il gruppo Nestlè – multinazionale attiva nel settore alimentare – ha deciso di investire 5 milioni di euro nel fondo italiano di Venture Capital Eureka. L’intento è di puntare all’accelerazione verso l’utilizzo di soluzioni di imballaggio più sostenibili e rispettose verso il pianeta nonché andare a migliorare la qualità dei processi di raccolta e riciclo, ricorrendo ad un utilizzo maggiore di plastica riciclata nel settore alimentare. 

Il fondo Eureka è un fondo specializzato nel trasferimento tecnologico, che punta su investimenti in Advanced Materials. Si rivolge prevalentemente alle prime fasi dello sviluppo di attività basate su tecnologie ad alta potenzialità di mercato. Questo investimento mira a supportare Nestlè nei suoi obiettivi di raggiungimento del 100% dell’utilizzo di imballaggi riciclabili o riutilizzabili, entro il 2025, trovando le migliori strategie per il conseguimento. I primi risultati mostrano già un grande miglioramento nel campo, grazie al 97% degli imballaggi riciclabili prodotti da Nestlè. 

- Advertisement -

L’investimento fa parte di un fondo pari a 250 milioni di franchi svizzeri, che l’azienda ha stanziato in favore dell’utilizzo di imballaggi sostenibili e miglioramento dei sistemi di riciclo. 

Stefano Peroncini – Amministratore  Delegato di Eureka: “Ad oggi solo il 10% della plastica è riciclata, ma costa di più ed è meno performante rispetto alla plastica normale. Serve quindi fare più ricerca nell’ambito. La plastica è una delle problematiche ambientali che ci troviamo ad affrontare fra le più grandi. È necessario quindi fare più investimenti di questo tipo per contribuire veramente alla sostenibilità ambientale”.

NEWS

Articoli recenti

[wpp stats_views=0]