HomeNEWSEducazione digitaleTik Tok nuovamente nel mirino dell'UE

Tik Tok nuovamente nel mirino dell’UE

La nuova App Tik Tok Lite non piace alla Commissione Europea e minaccia di chiuderla

Lunedì 22 aprile l’Europa ha minacciato di sospendere da giovedì alcune funzioni dell’app TikTok Lite – lanciata in Francia e Spagna –  che, attraverso un sistema a premi, incentiverebbe gli utenti ad aumentare la propria permanenza sulla piattaforma.

La Commissione europea ha aperto un procedimento formale – attualmente è il secondo in corso – contro TikTok ai sensi del Digital Services Act (Dsa).

- Advertisement -

Tik Tok Lite

TikTok Lite  è disponibile da poco in Francia e Spagna e include un nuovo servizio chiamato “Task and Reward Program” che permette agli utenti di guadagnare dei punti compiendo determinate azioni richieste dalla piattaforma, come mettere “mi piace”,  guardare video, seguire alcuni utenti e invitare amici a iscriversi alla piattaforma.  Questi punti sono chiamati “coins” e possono essere convertiti in premi come carte regalo su PayPal o buoni Amazon, oppure si può scegliere di tenerli sull’app e donarli ad altri utenti. Il programma “Task and Reward” si può attivare solo se un utente è entrato su TikTok per almeno 10 giorni di fila.

Le preoccupazioni della Commissione UE

Bruxelles è preoccupata per i “rischi di gravi danni alla salute mentale degli utenti”, compresi i minori, derivanti dal programma a premi che può indurre “dipendenza”. A questo si aggiunge la sospetta assenza di meccanismi di verifica dell’età su Tik Tok. La mancanza di questi meccanismi di verifica dell’età e la sospetta struttura delle piattaforme che crea dipendenza sono già oggetto di indagine nel primo procedimento formale contro TikTok.

L’indagine si concentrerà quindi sui seguenti ambiti:

  • Il rispetto da parte di TikTok dell’obbligo DSA di condurre e presentare un rapporto di valutazione del rischio prima di implementare funzionalità, in questo caso il programma “Task and Reward Lite”, che potrebbero avere un impatto critico,in particolare effetti negativi sulla salute mentale, compresa quella dei minori, soprattutto a causa della nuova funzionalità che stimola il comportamento di dipendenza.
  • Le misure adottate da TikTok per mitigare tali rischi.

Cosa può succedere

Tik Tok ha ora tempo fino a oggi 23 aprile per presentare il rapporto di valutazione del rischio alla Commissione e fino al 3 maggio per fornire le altre informazioni richieste.

Nel caso in cui TikTok non risponda alle richieste entro i termini indicati, la Commissione può imporre sanzioni fino all’1% del reddito annuo totale o del fatturato mondiale del fornitore e applicare sanzioni periodiche fino al 5% del reddito medio giornaliero del fornitore o fatturato annuo mondiale.

NEWS

Articoli recenti

[wpp stats_views=0]